,

Scadenze troppo impegnative, si mobilita anche la FNOMCeO

Quante volte ci è capitato di chiederci se le tanto proclamate “semplificazioni” introdotte dal legislatore siano veramente delle semplificazioni? Questa domanda se l’è posta anche la FNOMCeO e ha espresso le proprie perplessità e le proprie opinioni durante l’audizione del 21 Marzo scorso presso la Commissione Parlamentare per la Semplificazione.

La Federazione ha voluto dar voce ai propri iscritti, che siano lavoratori dipendenti, professionisti con Partita IVA o associazioni tra professionisti e piccole strutture sanitarie, in merito alla raccolta dei dati per il 730 precompilato, la modifiche per la trasmissione dei dati contabili e IVA e il superamento degli studi di settore.

La volontà di voler offrire un servizio come il 730 precompilato è certamente ammirevole ma sussistono molti elementi di complessità soprattutto perché non è un adempimento coordinato con le altre trasmissioni dei dati tributari. Questa decisione è stata presa dal Garante della Privacy che ha voluto proteggere i dati personali relativi alle spese mediche ma è vero anche che in questo caso si tratta di un canale completamente diverso da quello normalmente utilizzato per le comunicazioni all’Agenzia delle Entrate e che quiandi comporta il grosso problema del controllo dei codici fiscali.

Gli studi di settore sembrano essere un’altra nota dolente in quanto hanno determinato un rilevante contenzioso a causa di accertamenti a carico di contribuenti marginali o peculiari, quali i medici di Medicina Generale, oppure i contribuenti effettivamente in difficoltà. Non bisogna dimenticare inoltre che gli studi di settore sono stati lo strumento che ha permesso ai contribuenti infedeli di misurare preventivamente il proprio grado di rischio a danno, ovviamente, dell’Agenzia delle Entrate.

La modifica del sistema degli adempimenti periodici dal canto suo, garantirà realmente dei benefici anche ai contribuenti solo se le trasmissioni periodiche delle fatture e delle liquidazioni comprenderanno qualsiasi altro adempimento, quali Intrastat (obbligatorio per gli acquisiti) e sistema TS. L’intento inoltre, di garantire una raccolta completa ed esatta dei dati per il 730 precompilato sarebbe facilmente perseguibile se si unificasse la trasmissione al sistema TS con l’anagrafe tributaria.

Certamente i compiti e le decisioni dell’Amministrazione Finanziaria non sono sempre un peso per il contribuente ma basta poco per tonare con i piedi per terra, basti pensare al caso dei neolaureati. I giovani medici sono praticamente costretti ad aprire la Partita IVA per i pochi mesi che passano tra l’iscrizione all’Ordine e l’ammissione ai corsi di specializzazione per effettuare qualche sostituzione che non può essere trattata come prestazione occasionale.

Notiamo quindi che nella maggior parte dei casi, gli elementi di complessità sono riconducibili ai tentativi del Legislatore e dell’Amministrazione Finanziaria di dare una regolazione eccessivamente dettagliata sugli aspetti applicativi della norma, perdendo però di vista l’obiettivo concreto.

Attraverso tutte queste osservazioni e queste critiche (di cui il Legislatore dovrebbe tener conto) la FNOMCeO certamente condivide la necessità di contrastare il fenomeno dell’evasione e delle frodi nel settore IVA ma esprime grosse perplessità in ordine all’introduzione del nuovo spesometro considerato che un obbligo di comunicazione analitica con periodicità così ravvicinate non è previsto in nessun altro Paese ad economia avanzata.

Tenendo a mente che la Legge di Stabilità dello scorso anno enunciava che “l’obbligo di comunicare le operazioni attraverso lo Spesometro era  escluso per coloro i quali trasmettono i dati al Sistema tessera sanitaria ai sensi dell’articolo 3, comma 3, del decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175” , sarebbe logico sperare in una valutazione favorevole di quanto proposto dalla Federazione nell’ottica della riduzione degli adempimenti, delle scadenze e delle trasmissioni.

Qui di seguito è possibile consultare il testo integrale: Audizione Fnomceo 21.03.2017